CANDIDATURE PER RUOLO DI PRESIDENTE DI SEGGIO ALLE PROSSIME ELEZIONI

25135524_palazzo-zanca-60-presidenti-di-seggio-sostituiti-0

(Legge 21 marzo 1990, n. 53)
Ai fini dell’aggiornamento periodico dell’albo, i cittadini iscritti nelle liste elettorali del comune, in possesso dei requisiti di idoneità, possono chiedere al proprio Ufficio elettorale di residenza, entro il mese di ottobre di ogni anno, di essere inseriti nell’albo delle persone idonee all’ufficio di presidente di seggio elettorale presentando domanda scritta al sindaco, nella quale devono indicare data di nascita, titolo di studio, residenza, professione, arte o mestiere.

 

Annunci

Caro Sindaco… interpellanza Decoro Urbano

A distanza di più di tre mesi, in barba allo Statuto Comunale che pone dei tempi certi per una risposta alle interpellanze dei cittadini, postiamo ed alleghiamo quanto protocollato in Comune per tale iniziativa ed INVITIAMO il Sindaco a risponderci:

wedu-decoro-urbano

Gentilissimo  signor Sindaco

Illustrissimo Segretario Comunale

San Pietro in Cariano, 01 luglio 2013

Oggetto: proposta di adesione del Comune di San Pietro in Cariano al servizio gratuito fornito dal sito http://www.decorourbano.it         

Gentile sig. Sindaco, gentile Segretario Comunale

il gruppo di coordinamento del movimento San Pietro 5 Stelle

Visto il numero di segnalazioni riguardanti strade e marciapiedi dissestati, lampioni non funzionanti, abbandono di immondizia sul territorio comunale, vandalismo, utilizzo indiscriminato di fitofarmaci nell’agricoltura (rilevato anche nell’ultimo consiglio comunale da un consigliere di maggioranza) ed altre forme di degrado urbano/ambientale che quotidianamente pervengono agli Uffici comunali;

Considerato che le suddette segnalazioni vengono gestite in modo non informatizzato e quindi con un onere di lavoro manuale non indifferente, immaginiamo, da parte di chi le riceve e le smista agli Uffici di competenza;

Visto l’esigua forza di vigilanza per coprire tutto il territorio comunale nella relativa vigilanza di tali abusi;

Svolta un’indagine finalizzata al reperimento di un software che consenta la gestione informatizzata delle segnalazioni con la tracciatura dello stato di attuazione dei lavori;

Verificato che alcuni siti consentono, previa iscrizione gratuita, ai cittadini di inviare segnalazioni on-line (anche a mezzo di smartphone) al Comune che le riceve e, tramite applicativo, le gestisce in maniera trasparente;

Rilevato che il sito www.decorourbano.it, la cui adesione è gratuita sia per il cittadino che per l’Amministrazione comunale, è uno strumento efficace allo scopo;

CHIEDE

Che il Comune di San Pietro in Cariano aderisca a tale servizio e comunque l’implementazione dello stesso ad ogni applicativo presente e futuro che l’Amministrazione ha in animo di attivare per il coinvolgimento e controllo diretto dei cittadini alla amministrazione del Bene Pubblico.

Il movimento San Pietro 5 Stelle rimane a disposizione per illustrare tale strumento ed eventualmente fare gratuitamente la formazione necessaria agli addetti comunali.

Anticipatamente ringrazia e porgo distinti saluti.

 

 Il gruppo di coordinamento

 San Pietro 5 Stelle

Rich_prot_02-07-13_DU

FIRMA ANCHE TU LA NOSTRA PETIZIONE ON LINE!

Una Torta per “spegnere” la centrale Biomasse!

Noi ci siamo e tu? Ti aspettiamo!

Statuto comunale – art. 28 – Referendum consultivo

Leggete ed imparate a conoscere gli strumenti che il cittadino può utilizzare per far sentire la propria voce all’interno del Palazzo!

comune_statuto

ARTICOLO 28 – STATUTO COMUNALE S. PIETRO IN CARIANO

1.Il Sindaco indice il referendum consultivo quando lo richieda il Consiglio comunale, a maggioranza dei 4/5 dei suoi componenti o su richiesta sottoscritta – con firma  autocertificate nei modi stabiliti dal III° comma dell’art. 26 – da un decimo dei cittadini iscritti nelle liste elettorali del Comune.

2.Non possono essere sottoposti a referendum consultivo le proposte di revisione dello Statuto e gli atti che incidano negativamente sui diritti delle minoranza. Il quesito sottoposto agli elettori deve rendere esplicite le maggiori spese o le minori entrate derivanti dall’esito della consultazione e deve indicare le modalità di copertura di tali oneri. A tal fine, la ragioneria, nei modi stabiliti dal Sindaco entro 10 giorni dalla presentazione di apposita  stanza, presta la propria collaborazione ai soggetti proponenti e fornisce loro le  informazioni necessarie. Il responsabile della ragioneria deve comunque attestare l’idoneità della copertura e la congruità del calcolo degli oneri.

3.La proposta di referendum consultivo, prima della raccolta delle firme, è sottoposta al giudizio di ammissibilità di un comitato di garanti eletto dal Consiglio comunale subito dopo la sua entrata in carica. Il comitato dura in carica quanto il Consiglio comunale che lo ha eletto ed è composto da tre membri eletti con votazioni autonome a maggioranza qualifica dei 4/5 dei componenti il Consiglio. A componenti di tale comitato possono essere nominati i cittadini in possesso di adeguata preparazione giuridico-amministrativa ed in grado di garantire l’imparzialità e la indipendenza dagli organi di governo del Comune.

4.Le consultazioni referendarie si svolgono secondo la legislazione vigente e non possono aver luogo nei giorni in cui si svolgono altre operazioni di voto.

5.Il referendum è valido se ha partecipato alla votazione il 45% degli aventi diritto. La proposta è approvata se ottiene la maggioranza dei voti validamente espressi.

6.Se la proposta sottoposta a referendum consultino è stata accolta con la maggioranza dei voti validamente espressi, il Consiglio comunale è tenuto a deliberare entro sessanta giorni, sia nel caso che intenda conformarsi al risultato di essa, sia nel caso che intenda discostarsi.

7.Le proposte di referendum non accolte sono, a richiesta dei promotori, discusse in Consiglio comunale, quali petizioni. A questo scopo, si osserva il procedimento disciplinato dall’art. 26.

8.Oltre alle materie indicate nel comma I° del presente articolo ed a quelle previste nelle leggi e nei regolamenti statali o regionali, con apposito regolamento comunale potranno essere determinate altre materie per le quali non è ammesso referendum consultivo.

RIFIUTI E RESPONSABILITA’ – ECCO COME E’ ANDATA

Pescantina 5 stelle

Venerdì 20 settembre si è svolto l’incontro, organizzato dal Pescantina 5 Stelle, a titolo “Rifiuti e Responsabilità”. Dopo la visione di un breve video sulla discarica di Montichiari a Brescia, ha preso la parola Ezio Orzes, assessore all’ambiente del comune di Ponte Nelle Alpi(BL) che ha raccontato la sua esperienza nel comune bellunese. 

Ponte Nelle Alpi(8500 abitanti) arriva al 90% di raccolta differenziata: Orzes ha spiegato come, in soli sei mesi, è riuscito a fare tutto ciò. 

Prima del suo insediamento come assessore, ogni anno una persona di Ponte Nelle Alpi, produceva, in media, 348 kg di rifiuti indifferenziati. Oggi, meno di 30 kg. Come è possibile? 

Nel 2006 il Comune fonda una società SRL totalmente pubblica(Ponte Servizi), il cui scopo è quello di gestire la raccolta dei rifiuti. Hanno assunto 15 persone a tempo indeterminato che, quotidianamente, si occupano della raccolta porta a porta. Per assumerle si sono dovuti…

View original post 410 altre parole

“Clean air – It’s your move!” – European Mobility Week 16-22 settembre

Spiace notare che nessun comune della provincia di Verona (Verona compresa) l’abbia adottata. Lanciamo un appello e faremo un’interpellanza al nostro Comune di S. Pietro in Cariano perché il prossimo anno la adotti e si impegni ad essere un po’ più “sostenibile”!

untitled

Ecco di che cosa si tratta:

The 2013 campaign aims to raise awareness about the impact of transport on local air quality, and encourages citizens all over Europe to improve their health and well-being by changing their day-to-day mobility behaviour. It coincides with the European Year of Air, an area EU policy makers are currently reviewing through the Thematic Strategy on Air Quality.

Poor air quality continues to have a major impact on the health of European citizens, leading to respiratory and cardiac complications, premature deaths and shorter life expectancy. Air pollution also affects the environment, resulting in acidification, biodiversity loss, ozone depletion and climate change. Urban traffic is a growing source of air pollution – specifically when it comes to particulate matter and nitrogen dioxide.
Local authorities therefore have the responsibility to develop urban transport strategies that meet mobility demand, protect the environment, improve air quality and make the city a better place to live.

By adopting the slogan “Clean air – It’s your move!” European Mobility Week is underlining that we all have a part to play, and that even small changes, such as commuting by bicycle rather than taking the car, opting for public transport, or choosing to walk, can significantly enhance the quality of life in European town and cities.

Janez Potočnik, European Commissioner for the Environment, said: “This year, we will put emphasis on the impact that transport and our daily choices have on the quality of the air we breathe and our health. By raising awareness and offering alternative transport options, cities can become more attractive places for people to live, they can make a major contribution to protect our health and promote a more sustainable future for all of us because when it comes to clean air, it’s your move!”

The 2013 campaign aims to raise awareness about the impact of transport on local air quality, and encourages citizens all over Europe to improve their health and well-being by changing their day-to-day mobility behaviour. It coincides with the European Year of Air, an area EU policy makers are currently reviewing through the Thematic Strategy on Air Quality.

Poor air quality continues to have a major impact on the health of European citizens, leading to respiratory and cardiac complications, premature deaths and shorter life expectancy. Air pollution also affects the environment, resulting in acidification, biodiversity loss, ozone depletion and climate change. Urban traffic is a growing source of air pollution – specifically when it comes to particulate matter and nitrogen dioxide.
Local authorities therefore have the responsibility to develop urban transport strategies that meet mobility demand, protect the environment, improve air quality and make the city a better place to live.

By adopting the slogan “Clean air – It’s your move!” European Mobility Week is underlining that we all have a part to play, and that even small changes, such as commuting by bicycle rather than taking the car, opting for public transport, or choosing to walk, can significantly enhance the quality of life in European town and cities.

Janez Potočnik, European Commissioner for the Environment, said: “This year, we will put emphasis on the impact that transport and our daily choices have on the quality of the air we breathe and our health. By raising awareness and offering alternative transport options, cities can become more attractive places for people to live, they can make a major contribution to protect our health and promote a more sustainable future for all of us because when it comes to clean air, it’s your move!”

https://www.facebook.com/EuropeanMobilityWeek

http://www.mobilityweek.eu/home/

EMWToolbox_2013_1_

Da L’Arena di oggi: “Dai «grillini» un appello ai cittadini sul nodo-rifiuti”

Pescantina 5 Stelle ha organizzato una serata pubblica sul tema «Rifiuti e Responsabilità» che si terrà il 20 settembre 2013, alle ore 21, al Teatro Guido Bianchi, in piazza degli Alpini. 
Scopo della serata è informare e sensibilizzare la cittadinanza sulla materia, molto delicata, dei rifiuti, data la presenza a Pescantina della discarica Ca´ Filissine, la cui gestione è un problema annoso ormai, e sui vari progetti di soluzione del problema. Tematiche, queste, che toccano da vicino la sensibilità degli abitanti di Pescantina.
Si analizzeranno, inoltre, le responsabilità sociali, economiche, normative, istituzionali e ambientali connesse al tema partendo dall´esperienza del Comune di Ponte nelle Alpi (oltre il 90% di raccolta differenziata) e dalla realtà del Veneto. 
Per questo è stato invitato a parlare su questo tema l´assessore all´ambiente del comune bellunese, Ezio Orzes.

Un´alternativa possibile e praticabile all´incenerimento e alla discarica può essere la raccolta differenziata spinta, occasione per creare occupazione, promuovere produzioni di qualità e stimolare nuovi modelli gestionali dei servizi pubblici nel rispetto della salute e dell´ambiente.

L´incontro farà da apertura ad un ciclo di serate, a ingresso libero, organizzate dal Movimento 5 Stelle i cui temi riguarderanno l´ambiente, la sostenibilità, lo sviluppo e l´economia.

G.G.

(da L’Arena – mercoledì 18 settembre 2013 PROVINCIA, pagina 30)

Festa dei popoli “Villaggio Multicolore 2013”- villa Lebrecht – San Floriano 22-09-13

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.